Non mi riferisco al romanzo o alla prima fatica cinematografica di Emma Dante, vista e premiata a Venezia, ma ad un altro “segreto” di questa strada contorta e fino a pochi giorni fa sconosciuta a quasi tutti i palermitani.

Ho detto quasi tutti perché da qualche anno via Castellana Bandiera è conosciuta e frequentata da ragazze e ragazzi che hanno voluto crescere, che hanno dedicato tempo ad una formazione indirizzata alle nuove professioni: la rivoluzione di internet, il regno dei social network, come raccontare i segreti del patrimonio culturale di Sicilia, come entrare nel mondo dell’informazione del cinema e della televisione.

E tra poco, ai primi di novembre, i locali di via Castellana Bandiera 4a torneranno ad aprirsi a giovani freschi di diploma o ad entusiaste matricole universitarie che vogliano guardare ad un futuro che parli le lingue dei nuovi mestieri.

La formazione che serve: 6 corsi per 6 percorsi formativi dedicati

Tecnico di redazione ed editing, accende la luce sul ciclo dell’informazione: dalla carta dei giornali a face book attraversando il web in lungo e in largo

Esperto in didattica museale, per imparare il mestiere di raccontare la Sicilia attraverso il suo immenso patrimonio

Web graphic & visual design, perché il commercio, i prodotti dell’industria, la cultura ed il turismo per essere venduti devono, in primo luogo, affascinare

Esperto in web & media marketing, per imparare a governare il web, per costringerlo a farci trovare ciò che cerchiamo. Sempre

Tecnico dei musei, per essere in grado di girare la casa delle bellezze di Sicilia aiutando turisti e studenti a goderle fino in fondo, a capirle nel profondo, a diventare a loro volta entusiasti promotori

Operatore video e foto reporter, per impossessarsi delle tecniche e dei saperi necessari a fare cinema e televisione anche in Sicilia.

Poche righe per raccontare di un impegno che gli operatori e la direzione di Server srl si sono assunti anche per quest’anno. Dell’importanza di via Castellana Bandiera se n’è accorto anche il grande cinema.

È tutto pronto: motore, ciak!