La felicità di Happy è contagiosa, ma le note della canzone di Pharrell Williams diventano pugni nello stomaco nel video denuncia proposto dall’associazione Etna Walk che, come tanti, ha ballato il tormentone del momento zompettando sui cumuli di spazzatura lasciati sull’Etna.

GUARDA IL VIDEO

Il tema lo abbiamo proposto tante volte e ci siamo sempre chiesti se certa umanità che vive alle pendici del Vulcano meriti davvero di godere di un patrimonio che l’Unesco ha deciso di condividere con tutto il mondo. L’Etna è nella World Heritage list, ma paradossalmente ci finiscono anche le sue bruttezze come i copertoni lasciati lontani da occhi indiscreti o i water in disuso che fioriscono fra la ginestra.

Ballano e ridono i ragazzi di Etna Walk, mentre sbucano dagli ecomostri lasciati incompleti o fra le carcasse di auto abbandonate, ma è un sorriso beffardo che maschera l’amarezza di chi, proprio come loro, ama il Vulcano che certi etnei trattano con disprezzo. E allora è giusto il titolo che hanno scelto gli autori del video che spopola sul web ‘Happyzzamu l’Etna’, perchè l’abbiamo rovinato davvero.

Il ballo continua. Lo scempio speriamo si interrompa.