“Mentre i comuni lottano quotidianamente per garantire servizi essenziali ai cittadini nonostante i tagli regionali, apprendere che la Regione perde quei miliardi di euro che la Corte costituzionale le riconosce come diritto è solo una l’ulteriore conferma dello stato di calamità istituzionale in cui versa la nostra isola.”

Lo dichiara il Sindaco di Palermo e presidente di Anci Sicilia Leoluca Orlando, apprendendo della sentenza con cui la Corte Costituzionale ha dato ragione alla Sicilia e al Trentino su alcuni contenziosi con lo Stato, ma i cui effetti sono vanificati da un accordo sottoscritto dal Presidente della Regione.