Contrordine:la mozione di sfiducia nei confronti del segretario generale della Regione, Patrizia Monterosso, presentata dal Movimento 5 Stelle sarà esaminata oggi dall’Ars.

La decisione è stata assunta stamani dal consiglio di presidenza che inizialmente aveva dato la precedenza alla discussione sull’assestamento di Bilancio che sta issando ulteriormente le barricate fra i gruppi del parlamento regionale.

Da Palazzo dei Normanni si apprende che l’intelaiatura dello strumento finanziario verrà comunque incardinata già nel pomeriggio, mentre la vera e propria discussione potrebbe slittare di qualche giorno o addirittura alla prossima settimana.

Ieri, a tarda ora, in Commissione Bilancio è giunto il voto positivo ed è arrivato anche fra mille difficoltà: sei i favorevoli ad una manovra da 45 milioni di euro per coprire le spese di precari e forestali, ma che non salva tutto il resto; due i voti contrari, quelli dei grillini, tre gli astenuti.

Politicamente il dato è piuttosto rilevante: di fatto in Commissione la manovra passa grazie ai voti di Ncd ed è la prima prova dell’accordo politico raggiunto.

La manovra reperisce 22 milioni di euro per i forestali, 9 milioni per gli ex Pip, 4 milioni e 460 mila per la Servizi ausiliari Sicilia, 4 milioni d ciascuno per i cantieri di servizio e i teatri siciliani (poco meno per i teatri), 2 milioni per i consorzi di bonifica, quasi altrettanti (1 milione e 900 mila euro) per l’Ente di sviluppo Agricolo, 700 mila euro alle associazione allevatori, 142 mila associazione ciechi, 200 mila ciechi di Palermo,teatri 3 milioni e 900 mila.

effelle-mav