Il vice presidente della Regione siciliana e assessore regionale all’Istruzione, Mariella Lo Bello, ha incontrato ieri a Roma il sottosegretario Davide Faraone per discutere di tutte le criticità del piano assunzioni (previsto dalla riforma “La buona scuola”) per  i docenti precari della Sicilia, che risultano i più penalizzati rispetto alle altre regioni.

L’assessore dopo aver consegnato a Faraone un documento redatto nei giorni scorsi da Caterina Altamore (responsabile del settore scuola, università e ricerca del Pd) nell’ambito di un’assemblea dei precari,  ha illustrato alla IX commissione della Conferenza Stato-Regioni tutti i rilievi contenuti nel report. Che è stato già inviato al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini.

La Lo Bello ha consegnato il documento anche al vice presidente della Conferenza, Giovanni Toti. “E’ stata una proficua missione – ha detto l’assessore regionale – quella di ieri a Roma, nel corso della quale il governo nazionale ha preso in carico le criticità descritte, che hanno lo scopo di dare voce e tutelare i precari della scuola della Sicilia”.