Facebook è un mondo a sé stante. E come ogni luogo, vive di proprie regole sociali definite nel tempo dai rapporti e dalle consuetudini di chi lo popola. Nell’undicesimo anno di vita del social network, ecco 11 regole da non seguire per essere un cittadino virtuale modello (e soprattutto non essere considerato il contatto sfigato!).

1. Rispondere a facebook che ti chiede “A cosa stai pensando”

Rivolgerti al social network era un’idea carina, i primi tempi. Ora facebook ha 10 anni…

2. Cliccare “mi piace” su un proprio status

Su facebook (quasi) tutto è concesso, ma l’automipiace è veramente triste.

3. Scrivere un post su un complimento ricevuto

Tutti sanno che non stai semplicemente raccontando un aneddoto, ti stai vantando.

4. Dare risposte evasive a post altrettanto evasivi

Frasi del tipo “Il mio sogno si è avverato!” o “Questa non ci voleva” inducono i contatti a domandarti cosa ti sia capitato, e se risponderai con altrettanta ambiguità si porranno un’altra domanda: “Allora perché lo hai scritto su facebook?!”.

5. Prendersela pubblicamente col partner (o ex) dopo un litigio

Lanciare frecciatine è un piacere immenso, ma anche per gli amici che leggono. E quando avrete fatto pace, sappi che tutti sapranno.

6. Scrivere banalità del tipo “Odio la gente falsa”

Perché, c’è per caso qualcuno a cui invece piace la gente falsa?

7. Pubblicare selfie e lamentarsi dello scatto

Gli autoscatti sono chiari come il sole, anche se l’espressione è fintamente disinvolta e anche senza smartphone o braccio allungato in vista. Tanto vale pubblicare una foto in cui non sei esattamente inguardabile.

8. Anticipare pubblicamente la ‘pulizia’ dei propri contatti

Perché fare annunci? Se speri di suscitare una reazione nei tuoi contatti, sappi che coloro con cui interagisci regolarmente continueranno a farlo, chi non ti fila non leggerà nemmeno il tuo post.

9. Inviare ripetute richieste di gioco a chi non ha mai giocato su Facebook

Se vuoi farti odiare, hai trovato il modo giusto.

10. Non ri-richiedere l’amicizia

Eravate amici e ti ha cancellato? Non ha accettato la tua prima richiesta d’amicizia? Su Facebook non esistono incomprensioni ma semplici click: se non sei suo amico, non ti vuole come amico. Non insistere.

11. Pubblicare e condividere post per assicurarsi la privacy dei propri dati

Scrivere sulla bacheca “Io sottoscritto sono l’unico titolare dei miei dati bla bla bla” non ti terrà al riparo da un bel niente. A proposito di privacy, ricorda dove ti trovi.

Leggi anche:

Il “Terrone fuori sede” impazza su Facebook

Facebook si rinnova: il nuovo look

Coppie perfette su Facebook? La verità in un video

Come cambia la lingua su WhatsApp