Saranno tre giornate dense di iniziative, almeno cento, dedicate a quaranta case editrici indipendenti provenienti da tutta Italia.

Presentazioni, reading, incontri con gli autori, laboratori artistico – creativi dedicati ai bambini, letture animate, incontri professionali, dibattiti tematici, ma anche una mostra sul libro d’artista, sei passeggiate letterarie, un gioco a squadre sul mondo dei libri, un concorso per booktrailer, performance musicali, installazioni, estemporanee di pittura, esposizioni, proiezioni, speaker’s corner.

Questi i numeri di Una Marina di libri, primo festival dell’editoria indipendente a Palermo: una vera e propria festa del libro che animerà gli spazi di Palazzo Steri dal 3 al 5 giugno.
La manifestazione, promossa dal Consorzio Centro Commerciale Naturale Piazza Marina&dintorni e da Navarra Editore in collaborazione con Associazione Oliver, Officine Studi Medievali e MDU – Movimento degli Universitari e patrocinata dall’Università degli Studi di Palermo, prenderà il via venerdì alle 16.30.
“L’idea di un festival del libro a Palermo, nell’area di Piazza Marina  – spiega Maria Giambruno, presidente del Consorzio Piazza Marina&dintorni – si colloca perfettamente nel lavoro di valorizzazione cittadina portato avanti dal Consorzio. La sfida è quella di riuscire a fare economia e sviluppo ripartendo dal territorio e utilizzando come chiave strategica la cultura.”
“Il festival – sottolinea Ottavio Navarra, di Navarra Editore – è realizzato con un budget ridottissimo. Al silenzio e al vuoto delle istituzioni culturali, rispondiamo con l’impegno di un team di ragazzi volontari che in questi mesi hanno lavorato duramente e con passione per la riuscita di questo importante evento, con la collaborazione di un nutrito cartello di associazioni che supportano il festival, con la partecipazione di editori ed autori di calibro nazionale che hanno voluto essere presenti a Palermo, nonostante l’assenza di risorse. Il nostro obiettivo è quello di rendere la manifestazione un appuntamento fisso e candidare Palermo a diventare il terzo punto nevralgico in Italia nell’ambito delle fiere editoriali, dopo Torino e Roma”.
Tre i momenti principali delle giornate del festival: la mattina – dalle 9.30 alle 13.30 – dedicata principalmente alle attività per bambini e ragazzi (incontri con autori e illustratori, laboratori artistico-creativi, letture animate) e agli incontri professionali (Lo stato dell’editoria oggi; L’editoria digitale; La traduzione Letteraria) rivolti a addetti ai lavori, appassionati e studenti; il pomeriggio – dalle 16.30 alle 20.00 – animato da un intensissimo calendario di presentazioni e reading (un appuntamento ogni ora per quattro sale) proposto dalle case editrici presenti al festival; la sera – dalle 21.00 alle 24.00 – dedicato a dibattiti tematici, proiezioni e spettacoli.
Ad aprire i dibattiti tematici venerdì 3 giugno alle 21.00 saranno Emma Dante, Viola Di Grado, Veronica Tomassini, Beatrice Monroy e Annalisa Maniscalco, le cinque voci protagoniste dell’incontro “Scritture di donne”, sabato 4 giugno sarà la volta di Massimo Maugeri, Federico Novaro, Francesco Mangiapane e Giulio Passerini che discuteranno di “Letteratura 2.0: il fenomeno dei blog culturali”, mentre domenica 5 giugno la fa da protagonista il genere noir con il dibattito “Visioni in nero” a cui interverranno Elisabetta Bucciarelli, Antonio Pagliaro e Rosario Palazzolo, tre tra i più promettenti autori italiani d