La terza Prefettura in Italia a sottoscrivere un protocollo di legalità con Confindustria sarà quella di Agrigento.
L’intesa, che verrà siglata lunedì 28 luglio – alle ore 11,30 – nella Prefettura della Città dei Templi, è finalizzata a rafforzare le condizioni di sicurezza e legalità per le imprese del territorio associate a Confindustria.

A sottoscrivere l’accordo il prefetto di Agrigento, Nicola Diomede, il delegato nazionale per la legalità di Confindustria, Antonello Montante, e il delegato di Confindustria Centro Sicilia per il territorio di Agrigento, Antonio Siracusa.

Grazie a questo accordo, di durata biennale, le imprese aderenti potranno chiedere la documentazione antimafia riguardante i propri partner commerciali e l’iscrizione nella white list della Prefettura attraverso Confindustria Centro Sicilia.
E’ questo uno dei punti fondamentali dell’Atto aggiuntivo, stipulato a gennaio tra il Ministero dell’Interno e Confindustria per rafforzare e semplificare l’attuazione degli impegni previsti dal Protocollo di legalità nazionale del 2010 sul tema specifico del rilascio della documentazione antimafia.

Con la firma di lunedì si completa un percorso di stretta collaborazione tra le Prefetture di Agrigento, Caltanissetta ed Enna e l’Associazione degli industriali del centro Sicilia, che consentirà di valorizzare le condotte responsabili delle imprese disposte ad assumere impegni volti alla qualificazione, sul piano etico, tecnico e finanziario, dei propri fornitori e a rispettare standard di legalità più elevati rispetto a quelli di legge.

Il protocollo, inoltre, rappresenta una delle misure qualificanti del progetto PON Sicurezza, “Caltanissetta e Caserta sicure e moderne”, gestito da Confindustria Centro Sicilia per creare una rete di tutela del sistema imprenditoriale siciliano dalle pressioni criminali, dal racket e dall’usura.
All’incontro, aperto alla stampa, parteciperanno i vertici provinciali della magistratura e delle forze dell’ordine ed esponenti dell’imprenditoria locale.