Due sentenze del Tribunale del lavoro a favore di altrettanti dirigenti generali esterni, cacciati dal presidente della Regione Crocetta dopo l’insediamento, evidenziano scelte di grave irresponsabilità da parte dell’amministrazione regionale, che oggi, condannata, è chiamata a risarcire 450 mila euro. E a pagare, se a qualcuno non fosse ancora chiaro, saremo noi siciliani.

Per fare luce su fatti a dir poco vergognosi, Forza Italia presenterà un’interrogazione parlamentare all’Ars, chiedendo al governatore di spiegare le ragioni di tanta leggerezza nella gestione del danaro pubblico. Chi ha prodotto gli atti di licenziamento? Chi ha assicurato a Crocetta che la revoca degli incarichi sarebbe stata una strada priva di rischi? Chi ha responsabilità amministrative e sbaglia deve pagare.

Se non otterremo risposte esaustive chiederemo di accedere agli atti e proporremo una mozione di censura nei confronti di chi ha responsabilità oggettive”, lo dichiara l’onorevole Marco Falcone capogruppo di Forza Italia all’Ars.