È iniziata in maniera positiva l’era Lo Monaco. Il nuovo amministratore delegato ha visto la partita allo stadio Barbera uscendo soddisfatto dopo il 4-1 al Chievo Verona. Un successo che riporta un po’ di serenità nel club  di Viale Del Fante dopo le turbolenze di inizio campionato.

Il nuovo dirigente rosanero Pietro Lo Monaco ha parlato in esclusiva ai microfoni di Itasportpress.it del momento della squadra di mister Gasperini facendo anche una considerazione in vista della riapertura a gennaio del calciomercato.

“Sono soddisfatto di come il Palermo ha giocato col Chievo -spiega a Itasportpress.it Lo Monaco-. Una buona prestazione però macchiata da una disattenzione generale in occasione del gol subito. Tutti hanno giocato bene con chicche di Miccoli”.

Miccoli –“Lui è giocatore che sente addosso la maglia e ormai si è integrato bene con la squadra”. Rischio di perderlo visto che va in scadenza? “Non è il momento di fare questi discorsi. Per me Miccoli non va da nessuna parte resta con noi”.

La squadra- “La squadra si sta applicando cercando di diventare un gruppo. I giocatori vanno verso una unica direzione, segno che questa squadra puo’ e deve migliorare. Io la vedo solida con buone individualità fermo restando che quando sarà il momento non ci tireremo indietro per migliorare la rosa”.

Pubblico rosanero- “Per adesso dobbiamo portare quanti più punti possibili e lottare con tutti. ll pubblico venuto al Barbera col Chievo ci ha sostenuto ma vedere la Favorita così vuota fa male al cuore e mi auguro di vederla più piena in futuro”

Derby col Catania- Se vado allo stadio Massimino? “Perchè no, non rinnego il passato e poi non ho problemi con nessuno”.

Col Genoa sfida scudetto- “Col Genoa dobbiamo giocare una partita come se fosse un match di coppa Campioni o che sia valida per lo scudetto”. Derby personale dopo addio con Preziosi? “Per me non è una gara particolare”.