E’ iniziato stamattina in un locale allestito appositamente nella questura di Ragusa l’incidente probatorio per trasferire le immagini registrate a Santa Croce Camerina da sistemi di videosorveglianza pubblici e privati la mattina del 29 novembre del 2014, giorno dell’omicidio del piccolo Loris Stival, e anche nei giorni precedenti al delitto.

Anche Davide Stival, papa’ del bimbo ucciso, ha nominato stamattina un proprio consulente di parte. Lo ha reso noto il suo legale, Daniele Scrofani. Il perito di Davide Stival e’ Maurizio Scalone, titolare della “Crea”, una societa’ di impianti.

Alle operazioni partecipano Luca Losio, perito nominato dal Gip, Claudio Maggioni, il consulente della Procura, Giovanni Tessitore, direttore tecnico della Polizia di Stato di Caserta, e quello di Veronica Panarello, mamma di Loris accusata dell’omicidio, Pierdavide Scambi con l’ausiliario Cristian Mendola.

Al termine del riversamento delle immagini, che non dovrebbe durare piu’ di una decina di giorni, i server verranno riconsegnati al Comune di Santa Croce Camerina ed ai privati proprietari.

Le immagini oggetto del lavoro degli esperti sono relative ai percorsi effettuati in automobile da Veronica Panarello, da dicembre detenuta nel carcere di Agrigento.“Da queste immagini contiamo di acquisire smentite alla ricostruzione dei dvd prodotto dagli inquirenti e dalla Procura”.

Lo ha detto l’avvocato Francesco Villardita, difensore di Veronica Panarello, arrivando in questura a Ragusa per l’incidente probatorio sui video ripresi da varie telecamere di sorveglianza il giorno dell’omicidio del piccolo Loris, di cui la madre e’ accusata.

“Ci auguriamo -ha aggiunto l’avvocato Villardita- di vedere Veronica percorrere alcune strade e che abbia commesso alcuni errori nel ricostruire il suo percorso. Vedremo con attenzione se sono stati commessi errori nella data, negli orari, nel time line complessivo di quella giornata”.