Si e’ avvalso della facolta’ di non rispondere il consigliere comunale di Palermo Giuseppe Faraone, arrestato ieri nel corso di un’operazione antimafia coordinata dalla dda del capoluogo siciliano. Interrogato dal gip Luigi Petrucci, il politico, accusato di avere fatto da intermediario tra gli estorsori di Cosa nostra e un imprenditore taglieggiato dal racket, ha scelto la strada del silenzio.

GUARDA IL VIDEO DELLE INTERCETTAZIONI

Il suo legale ha chiesto al giudice di concedere gli arresti domiciliari al consigliere che soffrirebbe di una grave forma di asma. Il gip si e’ riservato di decidere.

Davanti al giudice sono comparsi, per gli interrogatori di garanzia, Francesco La Barbera, Giuseppe Fabio Davi’, e Giuseppe Calvaruso, arrestati ieri con Faraone. Si sono avvalsi tutti della facolta’ di non rispondere.

Le altre persone coinvolte nell’inchiesta, gia’ detenute, saranno sentite nei prossimi giorni.

GUARDA LE FOTO DEGLI ARRESTATI