I carabinieri della compagnia di Corleone e del Gruppo di Monreale hanno arrestato nella notte quattro esponenti di spicco che farebbero parte delle famiglie di Corleone, Palazzo Adriano e Villafrati.

LEGGI I NOMI E I PROFILI DEGLI ARRESTATI

L’operazione si chiama Grande Passo e sarebbe stata messa a segno grazie alla collaborazione di numerosi imprenditori e commercianti vittime di estorsioni e intimidazioni. Sono stati diversi infatti a collaborare nel territorio tra Corleone, Misilmeri e Belmonte Mezzagno.

 GUARDA I VOLTI DEI PRESUNTI BOSS ARRESTATI

Complessa ed articolata l’indagine coordinata dalla DDA di Palermo (Procuratore Aggiunto Leonardo Agueci) condotta sui mandamenti mafiosi di Corleone e Misilmeri-Belmonte Mezzagno, a seguito della quale nella mattinata odierna sono state arrestate 4 persone tra boss e gregari, indagati per il reato di estorsione, aggravato dall’essere stato commesso con l’aggravante del metodo mafioso.

I provvedimenti scaturiscono da un’attività investigativa sviluppata in prosecuzione delle indagini che hanno recentemente colpito gli esponenti delle famiglie mafiose di Corleone e Palazzo Adriano, denominate convenzionalmente Operazione “Grande Passo”, conclusasi nel settembre del 2014 con la disarticolazione delle strutture criminali, sino ad allora difficilmente permeabili.

Le acquisizioni investigative, sviluppate attraverso attività tecniche e servizi di osservazione e pedinamento, ma anche grazie alla collaborazione di vittime di estorsioni, hanno  permesso di ricostruire e delineare ancor meglio l’intero assetto della famiglia mafiosa di Palazzo Adriano, di quella di Corleone e i rapporti del citato Mandamento con quelli limitrofi, nel dettaglio con la famiglia mafiosa di Villafrati.

Nel corso delle indagini, sono stati ricostruiti 4 estorsioni, ai danni di imprenditori impegnati nel settore dell’edilizia e del commercio, sia nelle fasi dell’apertura che della gestione degli esercizi commerciali. Immediata la collaborazione delle vittime che hanno denunciato e collaborato con gli inquirenti.