Oggi è il giorno del ricordo. Ricorre infatti il 27^ anniversario della strage di Pizzolungo, ad Erice, dove il 2 aprile del 1985, persero la vita tre vittime innocenti: Barbara Rizzo e i suoi due figlioletti di 6 anni, i gemelli Giuseppe e Salvatore Asta, coinvolti nell’attentato mafioso in realtà destinato a colpire il giudice Carlo Palermo e gli uomini della sua scorta.

Le vittime saranno ricordate oggi nel corso di una cerimonia alla quale parteciperà, tra gli altri, don Luigi Ciotti.

“Ogni anno, in questo drammatico giorno e in assenza di una verità processuale definitiva, si rinnova l’implacabile dolore per quell’agghiacciante sequenza che ha segnato e continua a segnare la memoria di tutti noi familiari di vittime innocenti della mafia”.

E’ quanto afferma l’eurodeputata IdV e componente della Commissione parlamentare europea antimafia Sonia Alfano, ricordando l’attentato in cui, il 2 aprile del 1985.

“Il mio pensiero, oggi, corre a quelle vittime innocenti e a Margherita Asta che, nonostante la giovane età – sottolinea – ha saputo trasformare lo strazio in una spasmodica ricerca di verità e giustizia”. (italpress)