“Alla vigilia della definizione di importanti rapporti economici tra lo Stato e la Regione siciliana lo stallo politico-istituzionale determinato dalle beghe interne al Partito democratico è assolutamente stucchevole e irresponsabile”. Così il capogruppo dell’Udc all’Ars, Mimmo Turano, rifila una pesante stoccata al principale alleato di governo, evidenziando un clima tutt’altro che sereno all’interno della maggiornaza che sostiene il governo Crocetta.

“Abbiamo dato il nostro apporto alla formazione della nuova giunta – spiega il presidente dei deputati centristi – convinti che tutti fossero determinati a lavorare seriamente ed in fretta per affrontare le numerose emergenze e fare le riforme necessarie per agganciare la ripresa. Oggi invece ci ritroviamo con l’Ars bloccata e il governo regionale in ambasce perché il Pd non riesce ad eleggere il suo capogruppo e designare i membri delle commissioni.”

“L’Udc – conclude Turano – non è disponibile a tollerare ulteriormente questo spettacolo indecoroso. Mi aspetto che tutti si prendano le proprie responsabilità davanti ai siciliani e agiscano conseguentemente altrimenti è meglio votare la mozione di sfiducia del Movimento 5 Stelle e andare tutti a casa”.