Durano una notte e un giorno o qualcosa in più fino alla successiva passata di bianco che farà spazio alla nuova dedica. I muri del Castello della Zisa di Palermo continuano a essere oggetto di ripetuti atti di inciviltà: firme, slogan, date da ricordare “ad ogni costo” e dichiarazioni a base di vernice.

GUARDA LE FOTO DELLE SCRITTE NEL PARCO

Maxi scritte compaiono di frequente sui muri bianchi che all’ingresso del parco anticipano ai visitatori lo scenario dello storico palazzo nonché antica dimora estiva dei re. Anche le vasche e le cancellate non sono risparmiate da chi con bomboletta alla mano si dedica a imbrattare un prezioso bene collettivo, tappa immancabile per i tanti turisti che girano tra le bellezze di Palermo, anche a bordo dei famosi bus rossi a due piani che accostano adiacenti al marciapiedi per consentire le foto ricordo.

All’indomani della cancellazione dell’ultima scritta a caratteri cubitali “principessa ti amo che da lontano accoglieva i visitatori con tanto di cuore e data distogliendo l’attenzione dal giardino inaugurato nel 2005 e dall’imponente castello, Marty non poteva che comunicare il proprio amore a Vincenzo con l’ennesimo atto di palese villania.

Quale gesto più romantico nel giorno di San Valentino? Chissà se alla prossima occasione da festeggiare, il proprio compleanno ad esempio, Marty aprirà la sua casa alle tante persone che vorranno lasciarle un messaggio di auguri da non dimenticare.