“Siamo la marcia in più per far vincere il centrosinistra per questo abbiamo deciso di strutturarci”. Tommaso Lima, coordinatore del Megafono della provincia di Palermo, a BlogSicilia, conferma la nuova linea politica del movimento del governatore Rosario Crocetta.

Dopo l’incontro dei giorni scorsi del gruppo parlamentare del Megafono all’Ars, composto dai deputati Coltraro, Di Giacinto, Dipasquale, Malafarina e Oddo, con la partecipazione dei coordinatori provinciali di Palermo, Tommaso Lima, Giuseppe Caudio di Catania, Giuseppe Ardizzone di Messina e Antonio Lupo di Siracusa, il Megafono “vuole ripartire dal suo nucleo originario – spiega Lima a BlogSicilia – per il rilancio dell’azione politica e di governo alla quale il Megafono, nella sua autonomia e nell’ambito di progetti condivisi , non può e non vuole sottrarsi per le promesse e gli impegni in precedenza assunti”.

“Abbiamo deciso – prosegue Lima – di iniziare la fase costituente del movimento prevedendo la scrittura di uno statuto con organismi democratici aperti e con a chiarezza dei ruoli e dei compiti. Noi non abbiamo una preclusione ideologica per la doppia tessera, anche perché siamo nati nel solco del rinnovamento e puntiamo al raccogliere le esperienze della società civile”.

E sui rapporti con il Partito democratico, nonostante il dickat dei democratici al governatore, costretto ad iscriversi al gruppo Pd all’Ars, Lima ha le idee chiare: “La nostra esperienza anticipa l’esperienza di rinnovamento che è in atto in questo momento nel Pd e vogliamo lavorare insieme al Pd”. E sul rimpasto chiesto dai dem, Lima conferma le parole di Crocetta: “Meglio aggiustamenti sul programma piuttosto che una guerra di poltrone”.