Le proteste dei dipendenti e le dichiarazioni dei deputati all’Ars Rinaldi (Pd) e Formica (Pdl), forse, hanno contribuito a  premere il piede sull’acceleratore. Il governatore Crocetta ha avvertito il disagio, avrà pensato che il tempo dell’immobilismo dovesse finire e che occorressero decisioni imminenti. Non si poteva più rimandare, Messina pretende il suo Teatro. Si apre così, una scia di commissariamenti in città, arrivano i rinforzi da Palermo: una serie di commissari straordinari , con l’arduo compito di gestire la transizione di alcuni tra i più importanti enti cittadini. Rosario Crocetta ha fatto i suoi nomi,  da porre a capo dell’Ente Teatro Vittorio Emanuele, dell’Ente Fiera , della Camera di Commercio, dell’Ente autonomo portuale, dell’Istituto case popolari.

Il primo nome, anche se non ancora ufficializzato, è quello di Laura Pulejo  proposta per la poltrona di commissario del  Vittorio Emanuele. Il Teatro messinese, è stato negli ultimi tempi, al centro di polemiche  che hanno raggiunto l’apice nello sciopero generale che ha fatto saltare la prima del “Rigoletto”. Non sarà, certamente semplice, rivitalizzare un teatro, in tempi di crisi, con quattro milioni e mezzo di euro previsti nella bozza del bilancio regionale . I componenti del Consiglio d’amministrazione hanno fatto sapere che questa sarebbe una cifra irrisoria a garantire le attività teatrali messinesi. Laura Pulejo, docente in pensione  di Storia economica e Storia dell’Europa orientale  della  facoltà di Scienze Politiche  di Messina, operatrice nell’ambito culturale cittadino, organizzatrice di eventi e manifestazioni, candidata alle Regionali e alle Politiche  nella lista “ Il Megafono”, sarebbe stata indicata dall’assessore Franco Battiato.

Il prossimo commissario alla Camera di Commercio, potrebbe essere Massimo Finocchiaro, imprenditore, consulente aziendale, componente della giunta di Confindustria e del comitato tecnico Confidi Sicilia. Per l’Ente Fiera, l’Ente Porto e l’Istituto case popolari si è ancora in attesa di candidati papabili; rumors insistenti sostengono che questi futuri commissari verranno scelti tra i dirigenti interni  della Regione Sicilia. Per il commissariamento della Fiera, il Presidente Crocetta dovrebbe firmare il decreto entro lunedì mattina;  all’Iacp invece si ipotizza un cambiamento totale, a causa della riforma che coinvolge tutti gli Istituti siciliani. In attesa di risposte si è anche per l’Ente autonomo portuale, per il quale molti attendono dal governatore siciliano che scriva la parola fine con la soppressione e messa in liquidazione.