“I fondi destinati al microcredito dal Movimento 5 stelle risultano inaccessibili ai piccoli imprenditori artigiani siciliani, che hanno avuto insoluti con le banche”. Lo denuncia Francesca Donato, candidata indipendente della Lega Nord alle prossime Europee nel collegio Isole, a seguito di una segnalazione da parte di un artigiano di Palermo in gravi difficoltà economiche.

“L’imprenditore si e’ visto rifiutare un prestito richiesto a Banca Etica – prosegue Donato – dove e’ depositato il fondo costituito dai versamenti dei parlamentari regionali del Movimento 5 Stelle, per essere stato iscritto nella black list a causa di precedenti protesti. Oggi, l’artigiano D.R. (che gia’ mesi fa ha tentato il suicidio a causa della sua situazione disperata) ha deciso di mettere a garanzia del prestito uno dei suoi reni. Questo dovrebbe far capire come ormai il sistema bancario sia totalmente avulso da ogni logica di tutela e di stimolo all’economia reale, giungendo a rifiutare l’erogazione di liquidita’ proprio a chi ne ha piu’ bisogno”.

Donato chiede al Movimento 5 stelle e al Governo della regione di attivarsi per risolvere con estrema urgenza questo e probabilmente tanti altri casi analoghi.