Marica Russo sta meglio e per questo ha lasciato il reparto di rianimazione dell’ospedale Garibaldi di Catania. Assistita costantemente da una equippe di psicologi la quattordicenne e’ stata gravemente ferita a coltellate del padre Roberto Russo, che nella notte tra il 21 e il 22 agosto scorsi nella sua abitazione di San Giovanni La Punta uccise la sorellina, Laura, di 12 anni.

Marika e’ fuori pericolo, ma dovra’ fare i conti con un trauma che le segnerà  la vita. Dall’ospedale “Garibaldi” i medici hanno comunicato la decisione di trasferirla in una struttura specialistica adeguata in virtu’ di un “miglioramento delle condizioni cliniche”.