Si terrà oggi in Tribunale a Catania l’incidente probatorio durante cui saranno sentiti quattro testimoni sopravvissuti alla ‘strage di Ferragosto’, in cui sono morti 49 migranti: tutti uomini erano rinchiusi nella stiva.

Le salme dei 49 morti sono arrivate la scorsa settimana a Catania a bordo della nave norvegese ‘Siem Piolt’ che ha sbarcato anche più di 300 migranti soccorsi nel mar Mediterraneo.

Per la morte dei 49 migranti la procura di Catania ha aperto un’inchiesta e indagato otto persone (tutte arrestate) con l’accusa di omicidio plurimo e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Dalle indagini di polizia e finanza è emerso che è maggiorenne ed è stato rinchiuso nel carcere catanese di Piazza Lanza il cittadino siriano J.M fermato con l’accusa di omicidio per la ‘strage di ferragosto’ che ha causato la morte dei 49 migranti. A riportare la notizia è il ‘Giornale di Sicilia’.

Lo ‘scafista’ e’ stato inizialmente rinchiuso nel centro di prima accoglienza per minori perché si era spacciato per 17enne, ma le indagini disposte dalla Procura di Catania hanno accertato che mentiva.

Intanto continuano senza sosta gli sbarchi in Sicilia. A Palermo è attesa una nave con più di 500 migranti tra cui 130 minori.