“Siamo profondamente allarmati per la pubblicazione della notizia delle minacce che Toto’ Riina avrebbe rivolto al Pm di Matteo e ai colleghi che indagano sulla trattativa perché, ammesso che siano vere, queste minacce sembrano una chiamata alle armi che il boss fa ai suoi contro i magistrati che svolgono questa inchiesta e sono visti come ostili”.

Cosi’ il procuratore di Palermo Francesco Messineo ha commentato la notizia di minacce rivolte dal capomafia detenuto ai Pm, Nino Di Matteo, Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene.

Il procuratore non ha voluto comunque confermare ne’ smentire “la fondatezza di una notizia che avrebbe dovuto rimanere segreta”.