Da un anno, l’ accoglienza dei MISNA ( Minori Stranieri Non Accompagnati ), è avvenuta al Centro Amhed.

Amhex, era un bambino che purtroppo è morto durante uno dei viaggi della speranza, che avevano ed hanno come destinazione Messina.

Il Centro Amhed, è gestito dalla Cooperativa ” Senis Hospes “, per effetto della convenzione con La Prefettura di Messina che scadrà il prossimo 25 Novembre, la struttura si trova nei locali dell’ IPAB ” Conservatori Riuniti “.

In questo anno, La Prefettura ha più volte sollecitato Il Comune di Messina, cui spetta l’ accoglienza dei minori, ad adottare soluzioni idonee non essendo Il Palanebiolo di Contrada Conca d’ oro una struttura idonea, peraltro di proprietà dell’ Università di Messina.

Le diverse sollecitazioni, sembravano essere destinate a divenire lettera morta, diversamente da ciò però, il nuovo corso impresso dall’ assessore ai Servizi Sociali, La d.ssa Nina Santisi ha dato i suoi frutti.

Il Sindaco Renato Accorinti infatti, nelle more dell’ individuazione di una idonea soluzione, ha firmato in questi giorni una ordinanza contingibile per consentire che ” Il Centro Amhed ” possa continuare ancora ad essere La Casa dei Minori Stranieri Non Accompagnati.