Il Gup di Palermo Luigi Petrucci ha accolto la richiesta di archiviazione presentata dal Pm Marzia Sabella per Piero D’Aì, 63 anni, ex sindaco di Misilmeri, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa nell’ambito di un’inchiesta che ha portato allo scioglimento del Comune.

“E’ il più bel regalo di Natale che potessi ricevere. Viene riconosciuta la correttezza della mia azione politica e del mio impegno amministrativo, fatto di amore per il territorio e del contatto diretto con i cittadini – commenta D’Aì – non ho voluto neanche farmi assistere da un legale perché ero consapevole che la verità sarebbe venuta a galla e così è stato”.

Consigliere comunale a Misilmeri nei primi anni ’90 e poi consigliere provinciale a Palermo dal 2003 al 2008, D’Aì era stato eletto sindaco di Misilmeri nel 2012 ed era rimasto in carica fino al 2012, quando il consiglio fu sciolto. Toto Cordaro, presidente del gruppo Pid Cantiere
popolare all’Ars e vicepresidente della commissione regionale Antimafia ha espresso “viva soddisfazione per il modo in cui l`amico Piero D’Aì vede riconosciuta la sua estraneità in una vicenda che non è soltanto politica e amministrativa ma anche umana e familiare”.