“Proiettare la Sicilia in Europa e portare l’Ue al centro dell’azione siciliana” nello spirito della “massima collaborazione con le istituzioni”, è l’obiettivo del presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta, a Bruxelles per un incontro col commissario Ue alla Politica regionale Johannes Hahn.

Gli argomenti sul tavolo: ‘accelerare’ con l’attuale programmazione dei fondi delle politiche di coesione Ue per ‘spendere da qui al 2015 il più possibile’ e ‘partire in tempo’ per la programmazione 2014-2020 puntando soprattutto alla riqualificazione urbana delle aree degradate, al sostegno delle Pmi e alla lotta contro il disagio sociale, con interventi immediatamente cantierabili’.

“Voglio che la Regione Sicilia acceleri al massimo per spendere tutto il possibile” spiega Crocetta. “Ho rimodulato una parte dei fondi”, spiega, ricordando quanto sia necessaria la realizzazione della rete infrastrutturale che colleghi porti e aeroporti e le zone archeologiche e di pregio turistico, e evidenziando che le incomprensioni di qualche mese fa con la Commissione sono state “chiarite”.

Nelle prossime settimane il presidente della Regione Sicilia tornerà alla Dg politiche regionali della Commissione col nuovo responsabile della programmazione, Vincenzo Falgares, appena nominato, anche per “portare un documento con un ‘check’ delle cose avviate”. L’intenzione di Crocetta è quella di togliere alla Sicilia la maglia nera delle Regioni italiane incapaci di spedere i fondi Ue.