Ricordato, a Monreale, nel 35esimo anniversario dell’omicidio, il capitano dei carabinieri Emanuele Basile, ucciso dalla mafia la sera del 4 maggio 1980. Stamane, in via Pietro Novelli, sul luogo dell’eccidio, sono stati resi gli onori militari e sono state deposte due corone di fiori sulla lapide in memoria dell’Ufficiale dell’Arma.

Il capitano Basile venne eliminato da un commando di tre persone che entro’ in azione mentre stava rientrando a casa insieme alla moglie e alla figlia di 4 anni, che teneva in braccio.

Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, l’arcivescovo di Monreale, monsignor Michele Pennisi; in rappresentanza del Presidente del Tribunale di Palermo, il presidente di Sezione Matteo Frasca; in rappresentanza del procuratore Capo della Repubblica, il procuratore aggiunto Leonardo Agueci; il comandante Interregionale dei Carabinieri “Culqualber”, generale Riccardo Amato; il Questore di Palermo Guido Nicolo’ Longo; in rappresentanza del Comandante provinciale della Guardia di Finanza, il colonnello Francesco Mazzotta; il comandante provinciale Carabinieri di Palermo, colonnello Giuseppe De Riggi; il sindaco di Monreale, Piero Capizzi.

Presente anche il Commissario dello Stato presso la Regione Siciliana, Carmelo Aronica, oltre a rappresentanze di Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Stradale, Polizia Penitenziaria, Vigili del Fuoco, Croce Rossa Italiana