Una donna, Rosalia Marzullo di 61 anni, è deceduta oggi all’ospedale San Giovanni Di Dio di Agrigento, dove era ricoverata per un intervento eseguito per ridurre una frattura al femore.

Secondo quanto racconta il marito, Giovanni Principato di 60 anni, che ha presentato un esposto ai carabinieri, la donna al momento del ricovero, a gennaio, sarebbe rimasta per due giorni in astanteria per mancanza di posti nel reparto di ortopedia dove, dopo 12 giorni, sarebbe stata finalmente operata.

Durante l’intervento effettuato per ridurre la frattura, le sarebbe però stata tranciata un’arteria femorale. Rosalia Marzullo sarebbe stata quindi trasferita in Rianimazione e al reparto di Medicina generale per un nuovo intervento dopo circa un mese.

Il marito ritiene che da quel momento le condizioni di salute di sua moglie si sarebbero aggravate, perchè in Medicina generale le avrebbero trascurato la terapia sostenendo che era di competenza dei colleghi di Ortopedia. In sintesi un rimpallo di competenze.

La famiglia della donna, assistita dall’avvocato Basilio Vella, ha chiesto l’autopsia e il sequestro delle cartelle cliniche.