Un venerdì sera di sequestri e multe nei locali della movida di Palermo. Il controllo Integrato del Territorio, servizio congiunto delle forze di polizia che operano per il contrasto di reati ed illeciti amministrativi, ha fatto, ieri sera, tappa alla Vucciria ed in via Bara all’Olivella.

Nella hit cittadina delle zone più frequentate, Vucciria e Champagneria occupano un posto di rilievo. I servizi programmati dalla Questura di Palermo, hanno visto impiegato poliziotti del Commissariato “Oreto-Stazione” e del Reparto Prevenzione Crimine, unitamente a personale della Guardia di Finanza, della polizia municipale e della Siae.

Nel corso delle prime ore del servizio, è stato, in quattro casi, ad altrettanti titolari di esercizi di ristorazione, contestato il reato di occupazione di suolo pubblico, mentre nella seconda parte ci si è dedicati alla verifica del rispetto dell’Ordinanza Sindacale che disciplina gli orari delle emissioni di suoni ad alto volume che, in caso di inottemperanza, prevede il sequestro dell’attrezzatura musicale e la chiusura temporanea del locale.

Il sequestro è stato effettuato a carico di un locale di via Argenteria: gli agenti hanno compiuto il blitz proprio perché attirati dai suoni ad altissimo volume provenienti da quel locale. Come da ordinanza sindacale si è proceduto al sequestro di tutta l’attrezzatura musicale per cinque giorni e si procederà alla chiusura del locale per sette giorni a partire dal primo venerdì utile.

In altri locali sono state constatate, inoltre, violazioni, inerenti la mancanza di etilometro e relative tabelle. Importante anche l’attività di controllo di mezzi e identificazione di persone, svolta durante i servizi: identificate 87 persone e controllati 45 mezzi; effettuati un fermo ed un sequestro amministrativo di due ciclomotori, effettuato anche il sequestro di 38 grammi di eroina, a carico di ignoti.

Considerando le varie sanzioni per contestazioni, ai sensi del Codice della Strada, ne sono state elevate per un importo pari a 1645 euro.
I servizi proseguiranno nel corso delle prossime settimane.