Ultimo appuntamento con la prima edizione della rassegna concertistica ARCHItetture che il Conservatorio di Palermo organizza in collaborazione con gli Amici dei Musei Siciliani, la Diocesi di Palermo e l’Associazione Agorarte, in programma domenica 25 ottobre alle ore 18 presso la Chiesa del Santissimo Salvatore.

La rassegna ha visto esibirsi gli allievi delle classi di Quartetto e Musica d’insieme per archi al Conservatorio in alcuni tra i più bei luoghi d’arte della città di Palermo, puntando alla reciproca valorizzazione tra la preziosità della musica da camera e quella degli spazi architettonici le cui caratteristiche sono illustrate al pubblico dai volontari dell’Associazione Amici dei Musei.

Per questo appuntamento conclusivo sarà di scena l’Eliodoro Ensemble, gruppo d’archi dedicato ad Eliodoro Sollima creato e coordinato dalla docente Elena Ponzoni, che proporrà un programma dal titolo Alla danza!: «La danza, l’arte del corpo in movimento, è indissolubilmente legata sin dalle origini alla musica, della quale è stata una delle prime forme di fruizione comunitaria. Nel tempo la musica ha assorbito le cadenze sostanziali della danza, il ritmo, le forme, e i compositori le hanno rielaborate fino a rendere la musica totalmente indipendente dalle coreografie del corpo, in un processo di stilizzazione che ha dato vita a preziosissime opere». (Fabio Pecorella)

In programma musiche composte tra Otto e Novecento che includeranno la Gavotta di Francesco Paolo Neglia e i Tre minuetti di Puccini, lavori giovanili successivamente inclusi nella partitura di Manon Lescaut. Seguiranno tre autori che trovarono numerose fonti di ispirazione proprio nelle danze e nelle tradizioni musicali folcloriche dei rispettivi paesi d’origine, con i Due valzer op. 54 di Dvořák, la Capriol Suite di Warlock e con una selezione dai 44 Duos per due violini di Bártok qui proposti in un nuovo arrangiamento curato da Salvatore Passantino, allievo di Composizione e Violino del Conservatorio di Palermo che ascolteremo anche in veste di compositore con il Valzer op. 19.

Ingresso libero (Info T. 091. 580921 – www.conservatoriobellini.it)