“Entro il fine settimana bisogna definire l’accordo politico e il nuovo assetto di governo. In una coalizione non si vive come separati in casa, ma si lavora tutti insieme per il bene della Sicilia”.

Lo dice in una nota il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta. “Nessuno scarichi a nessuno la responsabilità delle riforme, – continua il presidente – alcune sono in parlamento da due anni, altre da diversi mesi. Occorre che i partiti sensibilizzino i propri componenti delle commissioni parlamentari per fare velocemente. Oggi la priorità è certificare la spesa e avviare la nuova programmazione europea di 5 miliardi e mezzo, per creare lavoro e sviluppo”.

“Senza un governo stabile non possiamo pensare di raggiungere questi obiettivi – continua -. E’ iniziato il confronto con Roma sui conti del bilancio e questo è sicuramente positivo, ma le vicenda delle dimissioni di Chiamparino mostra che non è una peculiarità siciliana, che il passato insegue le regioni e l’intero Paese”.

“La nuova sfida è quella di collaborare tutti insieme per azzerare il debito, mantenendo forte la coesione sociale. Io lavoro per l’unità all’interno dei partiti, – aggiunge Crocetta – prima di tutto il mio e non certamente per favorire disgregazioni e spinte competitive a danno di altri. Voglio continuare ad essere l’unita dell’espressione della coalizione e del popolo siciliano. Gli accordi politici si trattano con equilibrio, in politica si sa, a volte si fa un passo indietro per farne due in avanti”.

“Ho dimostrato in questi mesi di sapere fare passi indietro per dare slancio all’azione di governo. Chiedo a quanti sostengono che occorra dare priorità al popolo siciliano, di non presentarsi col bilancino degli assessorati da ottenere, perché questo non facilita né la soluzione politica né gli interessi della Sicilia. Abbiamo partite importanti da affrontare, per creare nuovi presupposti e per il rilancio di un progetto che dia alla Sicilia certezza dei conti attraverso l’accordo definitivo con Roma, poiché il bilancio non può essere una variabile annuale che dipende ogni anno dalla finanziaria nazionale, per agire con autonomia e con un corretto rapporto con lo Stato”.

“Le parole pronunciate ieri da Guerini rilanciano questa ipotesi – sostiene Crocetta -. Faccio appello a tutti e al senso di responsabilità generale ed è con questo spirito che oggi, insieme al segretario Raciti, incontrerò tutte le formazioni politiche poiché sono convinto di trovare da parte di tutti quella responsabilità che il momento richiede e con essa la rinuncia a quegli atteggiamenti al limite dell’avventurismo che producono danno ai partiti, alla coalizione, e alla Sicilia. Unità vera, – conclude il governatore – patto di lealtà e non coabitazione da sparati in casa”.