Dopo il no del Tar al decreto blocca eolico, il governo regionale guidato da Rosario Crocetta prova un’altra volta a fissare limiti rigidi alla realizzazione degli impianti in Sicilia.

Su proposta dell’assessore all’Energia e servizi di Pubblica utilità, Salvatore Calleri, la giunta ha approvato una proposta di legge in materia ambientale e paesaggistica, che vieta la realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica superiore a 200 kW nelle zone a rischio idrogeologico e nelle aree protette da piani paesistici Sic, Zps, Iba, nelle aree di particolare pregio e nei siti rete natura 2000.

La cosiddetta guerra dell’eolico poco più di un anno fa aveva rischiato di mettere in crisi il governo Crocetta. Decreto l’inizio dello scontro tra il presidente della Regione e l’allora assessore all’Energia, Nicolò Marino, che qualche mese dopo fu sostituito da Calleri.

clap