Non si sono fatte attendere le prime reazioni in merito alla nomina dei sette nuovi manager alla Sanità da parte della Giunta regionale. “Che fosse necessario intervenire sulle aziende sanitarie è opinione condivisa da Fp Cgil, ma i criteri adottati al tal fine suscitano perplessità”. Lo dicono in una nota Michele Palazzotto, segretario generale di Fp Cgil Sicilia e Renato Costa, segretario di Fp Cgil Medici Sicilia.

Palazzotto e Costa puntualizzano in merito alla “tempistica dell’operazione: i commissari sarebbero naturalmente scaduti fra qualche mese, ed è difficile – scrivono – comprenderne l’urgenza di tale provvedimento“.
Perplessità suscitano nei sindacati di settore anche i criteri adottati, che, dicono “non brillano per trasparenza. “Sono legati alle valutazioni negative dell’Agenas?”, si chiedono Palazzotto e Costa. E rispondono: “Crediamo di no, perché non tutti i cosiddetti ‘bocciati’ sono stati oggetto di rimozione“. E ancora: “Dipendono dalle appartenenze politiche? Speriamo di no perché da più parti si è detto che questo governo è attento alle competenze e non alle appartenenze. Permane quindi – scrivono i segretari – qualche dubbio che speriamo sia smentito dai fatti. Non vorremmo infatti, che qualche scelta coraggiosa a difesa del servizio sanitario pubblico operata nei mesi scorsi da qualche commissario non in linea con la precedente gestione della sanità, possa aver pesato sulla repentina rimozione. Fp Cgil Sicilia vigilerà affinché le scelte a difesa del servizio sanitario pubblico siano tutelate e incrementate da chi avrà la responsabilità di dirigere le aziende sanitarie e soprattutto che l’indirizzo del governo regionale sia finalizzato alla tutele del diritto alla salute dei cittadini siciliani”.

ve.fe