L’annuncio della Presidenza della Regione sul sostegno all’aeroporto di Comiso deve essere valutato positivamente: si tratta di uno scalo importante che può dare sviluppo e crescita alla Sicilia. La Regione intervenga anche su Birgi”. Così, in una nota, il deputato regionale dell’Udc Mimmo Turano.

“Ritengo, quindi, condivisibile e necessario – osserva – pure l’impegno finanziario del Governo Crocetta per sostenere il nuovo aeroporto, che rappresenta un tassello importante e significativo per dare vita al sistema degli aeroporti dell’Isola. Seguendo questa strategia, sicuramente, la Regione non potrà che stare al fianco anche dell’aerostazione di Trapani – Birgi, una risorsa fondamentale per l’economia siciliana“.

Il ‘Vincenzo Florio’ è una realtà consolidata che mostra grandi margini di miglioramento – spiega Turano – ed è un aeroporto che ha ottenuto la concessione totale, strumento operativo che conferma la sua dimensione strategica oltre i confini siciliani. La Regione dovrà fare la sua parte fino in fondo per rilanciare lo scalo trapanese. Sarebbe, infatti, un imperdonabile errore, porre in essere ‘discriminazioni’ territoriali che finirebbero soltanto per indebolire l’intero tessuto produttivo ed economico dell’Isola”.

Gli aeroporti di Birgi e Comiso devono essere protagonisti del nuovo sistema aeroportuale in sinergia con gli scali di Palermo e Catania“, spiega l’esponente centrista. “E’ necessario, dunque, un gioco di squadra che veda la Regione coordinatrice di una politica dei trasporti, che sia elemento centrale di un progetto di crescita e di sviluppo”.

“I singoli territori, infine, conclude Turano, dovranno essere coinvolti in questa nuova fase. I Comuni dovranno essere in prima linea, concentrando risorse ed idee ed evitando sterili e anacronistiche polemiche campanilistiche, come quella che in questi giorni abbiamo registrato tra i Comuni di Trapani e Marsala per migliorare i collegamenti con l’aeroporto di Birgi. Le incomprensioni tecniche ed amministrative sembrano essere state superate ed è una notizia positiva. C’è da augurarsi soltanto che non si ripetano più”.

L.A.