“Ribadiamo la validità della nostra scelta, firmare come Rsu la lettera di impegno per far proseguire le attività a Fincantieri in un periodo che sarebbe stato di vuoto, vuol dire difendere la continuità della produttività del cantiere navale di Palermo, messo sempre a rischio dai ritardi della realizzazione del bacino per lo sviluppo dell’off-shore, che riducono l’area industriale solo alle manutenzioni”. Ad affermarlo sono Ludovico Guercio segretario Fim Cisl Palermo Trapani e Nino Clemente Rsu Fim Cisl Fincantieri sull’arrivo della nuova commessa, la piattaforma Solitaire dell’armatore olandese Allseas che ha chiesto la continuità senza stop della realizzazione dell’opera.

Per tre mesi verranno impiegati circa 50 lavoratori del cantiere più operatori per l’indotto. “Ci rendiamo conto di essere ad un bivio, il cantiere si può rilanciare solo difendendo le commesse che giungono per garantire una lunga prospettiva di produttività, in passato messa a rischio. Non comprendiamo invece la scelta dell’azienda di chiedere direttamente ai lavoratori una scelta già fatta con i nostri rappresentanti sindacali e confermata dalla firma, forti del 90 per cento dei consensi espresso dagli operai a favore dell’impegno assunto”.

Daniela de Luca segretario Cisl Palermo Trapani conclude “con la fame di lavoro che c’è siamo convinti che non si possa perdere un’opportunità reale, che peraltro assicura la continuità produttiva, solo se hai il lavoro puoi rivendicare i diritti del lavoro. Siamo convinti inoltre, che esistano forme di mobilitazione alternativa che non mettano a rischio i livelli occupazionali, che possano coniugare la difesa della continuità industriale dello stabilimento con la tutela dei diritti fondamentali dei lavoratori, che sono sempre al centro della nostra azione, nel solco di accordi che sono stati già siglati con l’obiettivo finale di tutelare i posti di lavoro. Dobbiamo impegnarci tutti insieme affinché dopo il via libera al ddl all’Ars sul bacino da 80 mila tonnellate si possa ora avviare finalmente il processo di rilancio del cantiere sviluppando gli altri rami”.