Sarebbe lui il mandante dell’omicidio di Salvatore Lombardo colpevole di avere messo a segno un furto in un furgone. In manette è finito Giovanni Domenico Scimonelli, 48 anni.

Insieme a lui sono finiti in carcere Nicolò Nicolosi, e Attilio Fogazza entrami di 44 anni. L’operazione è stata compiuta dalla squadra mobile di Trapani e Palermo con il supporto del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, e personale del Roni dei Carabinieri di Trapani.

GUARDA LE FOTO

Nicolosi e Fogazza sarebbero gli esecutori materiali dell’omicidio. A firmare il provvedimento il Giudice per le Indagini Preliminari, che ha accolto le richieste dal procuratore aggiunto Teresa Principato e dei sostituti Carlo Marzella e Francesco Grassi della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo. L’omicidio è stato commesso il 21 maggio del 2009.

Lombardo nel bar Smart Cafè a Partanna, era stato colpito da due colpi di fucile calibro l2. Nel corso delle indagini per la cattura del latitante Matteo Messina Denaro hanno fatto luce sull’omicidio che rischiava di restare irrisolto. Lombardo era sospettato di essere l’autore del furto di un camion e di merce ai danni del supermercato Despar di Partanna (Tp) gestito, di fatto, da Giovanni Domenico Scimonelli. L’omicidio era la vendetta per quel colpo. e la sua uccisione rappresentava in sostanza una vendetta.