Con il convegno ‘I diritti Lgbt sono diritti umani’ alla presenza del ministro Josefa Idem e della presidente della Camera, Laura Boldrini, si apre oggi a Palermo il pride nazionale. In programma dibattiti, spettacoli, concerti, incontri, mostre e documentari. Un ricco calendario di eventi che animera’ il ‘Gay Village’, ospitato dall’amministrazione comunale all’interno dei Cantieri culturali della Zisa. Un Pride che sin dalla vigilia si annuncia come unico: con quasi 70mila metri quadrati sarà infatti il Pride Village più grande, oltre che più meridionale d’Europa.

“A pochissimi giorni dall’approvazione del Registro delle unioni civili da parte del Consiglio comunale – spiegano dal Comune di Palermo – viene lanciato un messaggio chiaro all’Italia e alle istituzioni: i diritti sono una priorità, un punto di partenza irrinunciabile per lo sviluppo di qualsiasi politica nel nostro Paese”.

L’appuntamento per il convegno di oggi  è alle 16 nella Sala De Seta. Prevista anche la presenza dell’europarlamentare Sonia Afano, del presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, del sindaco Leoluca Orlando e del direttore dell’UNAR (ufficio antidiscriminazioni razziali) Marco De Giorgi.  Videomessaggi di Martin Schulz, presidente del Parlamento europeo e di David Thorne ambasciatore degli Stati Uniti d’America.

La manifestazione renderà Palermo, per 10 giorni, capitale dei diritti umani. Tra i concerti in programma: See You Downtown feat, Roy Paci, Le Formiche, OPRP, Vincenzo Salamone, Almamegretta, Frankie HI NRG e Lorrè&ShakalabNada, Ssion, Matrimia, Dimartino feat Brunori SAS, Colapesce, Pride&Friends, Pride jazz festival, Pan del Diavolo, Black Eyed Dog, Iotatola, Concreat, Nicolò Carnesi, Omosumo, Carla Restivo Quartet, Eva Kant e Barbarella, Akkura, Adels, Good Falafel feat. Stop&Play, Sottocosto e Immanuel Casto.