La commissione nazionale italiana per l’Unesco ha approvato in via definitiva e trasferito all’Unesco di Parigi la candidatura di Palermo bizantina e arabo-normanna e delle chiese cattedrali di Monreale e Cefalù per l’iscrizione al patrimonio storico-artistico dell’umanità per l’anno 2015.

A comunicarlo il presidente dell’organismo, Giovanni Puglisi. “Questo risultato – dice – non soltanto valorizza ulteriormente un territorio che merita un destino certamente migliore di quello che gli viene assegnato dalle disavventure della politica di questi anni, ma anche inserisce nel patrimonio dell’Unesco un sito che davvero si presenta con caratteristiche di unicità perché il patrimonio bizantino e arabo-normanno che e’ sedimentato nei siti storico-artistici di Palermo e’ un esempio unico al mondo di sincretismo culturale a valle di diversità religiose e politiche”. La previsione di proclamazione è per la tarda primavera/estate del 2015, “quindi in tempo affinché Palermo apra le sue porte e i suoi patrimoni ai visitatori di Expo 2015”.