Sono sempre più numerosi gli studenti stranieri che scelgono Palermo per arricchire il proprio percorso formativo.
Anche quest’anno, molte le iscrizioni alla Winter School 2014 della Scuola di Lingua italiana per Stranieri dell’Università di Palermo volte a far conoscere la lingua e la cultura italiana e siciliana con i suoi tesori e il suo patrimonio artistico e culinario. Dopo le due passeggiate dedicate all’arte arabo-normanna e barocca e la passeggiata gastronomica alla scoperta dei dolci siciliani, arriva un nuovo appuntamento.

Domenica pomeriggio alle 18.30 gli studenti stranieri provenienti da paesi da Libia, Ghana, Perù, Canada, Marocco, Cina, Vietnam, Francia, Turchia, Giappone, Argentina, Ucraina, Polonia, Costa d’Avorio, Spagna, Inghilterra, assisteranno ad uno spettacolo dell’opera dei Pupi curato dall’Associazione Figli d’Arte Cuticchio.

Per l’occasione gli studenti saranno accompagnati da una docente esperta in storia dell’arte e nell’insegnamento dell’italiano agli stranieri.

“Già da parecchi anni migliaia di ragazzi di tutto il mondo vengono a studiare l’italiano a Palermo – spiega il direttore della Scuola, professoressa Mari D’Agostino – e trovano ad accoglierli, insieme a docenti, anche i ragazzi dell’Università che fanno loro da tutor e che li portano alla scoperta della città. È un esempio di turismo culturale che andrebbe valorizzato e sostenuto dalle istituzioni per quello che può significare sia in termini economici che in termini di immagine della città, per una Palermo che non si crogiola nel suo passato, ma lo valorizza guardando al presente e al futuro dei suoi giovani.”

Giovedì 13 marzo, ultimo appuntamento della Winter School alla scoperta della rosticceria e del cibo di strada siciliano.