Il Palermo si arrende alla Juventus dopo 90′ minuti di contenimento con pochi spunti in avanti. Vincono i campioni d’Italia in carica grazie ad una inzuccata vincente di Mandzukic, ad una rete di Sturaro e un gol di Zaza che nei minuti finali beffa Sorrentino. Prova opaca degli uomini di Ballardini che non calciano mai all’ interno dello specchio della porta con un Buffon spettatore non pagante. Una involuzione preoccupante dopo la gara di Roma con Lazio dove il Palermo aveva mostrato dei miglioramenti nel gioco in mezzo al campo. Questa sera invece sono mancate le idee e la grinta che contraddistingueva questa squadra soprattutto nei grandi match con le big del campionato.

A Ballardini il duro compito di rivoluzionare una squadra, ma soprattutto di migliorare la fase offensiva, affidata tutta alla creatività di un  Vazquez Oggi poco ispirato.

Cronaca. Ballardini conferma il 4-4-2 di Roma con il centrocampo a rombo. Partita equilibrata con le due squadre che si affrontano in mezzo al campo. Sono rare le occasioni da rete . Per il Palermo ci provano Brugman e HIljemark ma le loro conclusioni sono fuori misura. La vecchia signora risponde con un tiro debole di Pogba.

Intorno al 35′ le due squadre si sbilanciano: i rosanero però sbagliano sempre l’ ultimo passaggio con Brugman, gli ospiti invece vanno vicini alla rete di testa, prima con Bonucci e poi con l’ ex Dybala. Nel finale di tempo la difesa rosanero regge e si fa negli spogliatoi sul risultato di 0-0.

Nella ripresa basta poco ai bianconeri per trovare il gol del vantaggio: su un cross di Dybala, Mandzukic sovrasta Struna e porta in vantaggio i bianconeri con un colpo di testa imperioso. Ballardini prova la carta Quaison per dare un po’ di vivacità alla manovra offensiva, oggi molto lenta e imprecisa. La squadra passa con il modulo ad albero di Natale con lo svedese che sulla trequarti supporta Vazquez. Fuori anche Gilardino per Trajkovski, ma i cambi non danno la scossa giusta e in avanti il Palermo non crea più nulla. Nei cinque minuti finali due gol che chiudono il match: Sturaro segna dopo una incursione centrale e poi Zaza firma il tris negli ultimi secondi.