Vittoria convincente del Palermo a Udine che si impone per 1-0 grazie ad una rete nel primo tempo di Rigoni. La squadra di Iachini gioca un ottimo calcio nei primi 15 minuti e domina gli avversari. Con il passare dei minuti i bianconeri provano a pervenire al pari, ma le numerose occasioni create dalla squadra di Colantuono si infrangono sul muro della difesa rosanero oggi impenetrabile grazie agli ottimi Gonzalez e Sorrentino.

Iachini si affida al solito Vazquez dietro a Trajkovski, con Quaison che partendo dall’esterno si accentra. Un modulo senza punte che ricorda quello della Roma di Spalletti con un grande movimento in mezzo al campo e in avanti. La difesa è un bunker con Gonzalez, El Kaoutari e Struna, espulso ingiustamente intorno al 30′ della ripresa.

Non c’è tempo per l’ultimo arrivato dal calciomercato: Gilardino infatti assiste dalla panchina alla vittoria sofferta dei suoi compagni. Colantuono risponde con un attacco pesante: Thereau e Zapata per pungere la difesa rosa.

Il colombiano viene sempre murato dalla difesa rosanero che non commette sbavature ed è brava a rilanciare verso la linea mediana guidata dall’ottimo Jajalo. I giovani del Palermo soffrono nella seconda metà del primo tempo dopo alcuni affondi di Zapata ed Edenilson e nella ripresa solo la fortuna e un super Sorrentino salvano i pali rosa da un pareggio che Di Natale (subentrato nella ripresa) e compagni avrebbero meritato per la mole di occasioni create.

Ma la dea bendata decide di premiare la generosità e lo spirito di sacrificio dei siciliani che con una difesa bunker (l’unica in serie A a non aver subito reti) salgono in vetta alla classifica a punteggio pieno insieme a Inter, Chievo, Torino e Sassuolo.