Protestano davanti alla prefettura di Palermo i settanta ex dipendenti de “La Cascina Global Service”, azienda che si occupava del servizio di ristorazione per degenti e assistiti presso i presidi dell’Azienda sanitaria provinciale di Palermo.

Al loro fianco c’è Uiltucs Sicilia guidata da Marianna Flauto. I lavoratori chiedono di potere transitare, come spetta da contratto, presso la nuova società cui è stato affidato il servizio, la Cot, che fino a questo momento si è rifiutata.

All’Ufficio provinciale del lavoro nel corso di un incontro non è stato trovato un accordo. L’impresa La Cascina è stata sospesa dal prefetto di Roma in seguito al coinvolgimento nell’inchiesta Mafia Capitale. Si aspetta anche un incontro con l’Azienda sanitaria locale di Palermo.