Ricordato con una cerimonia questa mattina a Palermo il capo della Squadra mobile, vicequestore Boris Giuliano, ucciso dalla mafia il 21 luglio 1979. Il funzionario della polizia di Stato cadde nel bar di via Di Blasi dove stava prendendo il primo caffe’ del mattino, in attesa dell’auto che lo avrebbe portato in ufficio.

Oggi, ha detto il sindaco, Leoluca Orlando, “ricordiamo l’esempio di Boris Giuliano, un poliziotto di altissimo valore, un grande servitore dello Stato che, in tempi di grande compromissione tra la mafia e istituzioni deviate, ha condotto importantissime inchieste e ha pagato con la vita il suo senso del dovere e il suo impegno per la legalita’”.

Orlando non era presente alla cerimonia, dove il Comune e’ stato rappresentato dall’assessore alla Pianificazione urbana, Giuseppe Gini. Dopo la deposizione di corone di fiori in via Di Blasi, una messa celebrata nella caserma “Lungaro” della polizia di Stato.