Stop alle attività dell’Orchestra sinfonica siciliana. E’ stato proclamato lo sciopero della Foss di Palermo dalle Segreterie di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom-Uil. La protesta sarà cosi articolata : venerdi 5 dicembre sciopero del personale tecnico di 4 ore, dale ore 20 alle ore 24, sabato 6 dicembre sciopero del personale tecnico ed amministrativo di 6 ore per intero turno di lavoro. Domenica 7 dicembre sciopero del personale artistico,professori di orchestra di 3 ore, dale 17 alle 20.

I sindacati chiedono un incontro all’assessore al turismo Cleo Li Calzi che si faccia garante delle “soluzioni più volte auspicate e mai realizzate,senza un azione programmatica delle istituzioni il futuro dei lavoratori e di questa importante realtà culturale resta ipotecato da forti contraddizioni della politica un esempio concreto è l’enorme ritardo nel nominare gli organismi statutari e il ripianamento del debito”.

“Ancora una volta dobbiamo amaramente constatare che gli sforzi e i sacrifici profusi in questi ultimi difficili e travagliati anni dal personale della Fondazione orchestra sinfonica siciliana, vengono puntualmente ignorati – dicono Daniela De Luca segretario Cisl Palermo Trapani e Francesco Assisi segretario Fistel Cisl Palermo Trapani – come conferma l’incapacità dimostrata dai vertici nel dare risposte concrete alle innumerevoli richieste avanzate dai sindacati per rilanciare una delle più importanti realtà culturali della nostra città”.

“Abbiamo chiesto chiarimenti sul piano di rilancio indispensabile per la sopravvivenza della Fondazione, sulle ripetute, continue e dannose disfunzioni organizzative e sulla sistematica irregolarità con cui vengono, ormai da molti mesi, erogati gli stipendi ai 156 dipendenti oltre che sul reperimento dei fondi necessari per il bilancio regionale per il 2015”.

“Noi vogliamo evitare la definitiva paralisi della Fondazione  – concludono – e i conseguenti gravi disagi per le famiglie dei dipendenti, chiediamo per questo soluzioni immediate”.