E’ una di quelle borgate abbandonate perlopiù dalle istituzioni locali. Ne parlaimo e ne abbiamo parlato spesso sempre senza però ricevre riscontri fattivi da parte di chi dovrebbe occuparsi delle emergenze urbane ed ambientali della città. Stiamo parlando di Partanna Mondello fino a qualche giorno fa oggetto della nostra attenzione per l’annosa vicenda dell’ex cotonificio siciliano con i suoi 5 mila metri quadrati ricoperti di amianto che dopo anni di segnalazioni e proteste sono ancora li dove nn dovrebbero stare.

Adesso a Palermo è però iniziata la stagione delle piogge e per i residenti di Partanna si apre la solita stagione di allagamenti e disagi che producono l’isolamento della borgata.

Nella foto sopra che ci è stata inviata da un lettore ecco Via Polibio (nella foto). E’ la strada di accesso alla scuola elementare  del quartiere e come sempre, alle prime piogge, diventa quasi inaccessibile per il personale docente e tecnico e per i tanti bambini che non possono entrare in classe se non provvisti di stivali alle ginocchia ed abbigliamento da pescatori.

“Ecco la Via polibio e la scuola del Plesso Santocanala – ci scrive il nostro lettore di cui pubblichiamole foto – Disagi enormi per conquistare l’ingresso della scuola per i genitori e perni bambini. C’è paura per le abitazioni al piano terra ed i garage della zona.”

La storia è sempre la stessa. Gli interventi istituzionali languono. A noi non resta che denunciare ancora una volta la medesima vicenda. Guarda le foto.

Leggi anche:

Bomba ecologica a Partanna Mondello