“Ho letto le dichiarazioni del segretario provinciale in merito alla Direzione provinciale del Pd che si è tenuta ieri. Mi viene un dubbio: Carmelo Miceli ha partecipato ad un’altra riunione?”. Lo dice Franco Gervasi, portavoce del “coordinamento Palermo 2017” ed esponente del Pd palermitano, recentemente dimessosi dalla carica di vicesegrateraio provinciale.

“Durante la riunione non abbiamo sentito alcuna proposta politica da parte di Miceli – aggiunge Gervasi -, le uniche proposte sono arrivate dagli interventi dei componendi della Direzione. Spero che la nostra serietà e la nostra partecipazione non sia stata scambiata per un’accondiscendenza alla sua voglia inspiegabile di spaccare il partito: Miceli si è presentato in Direzione per fare prove muscolari, ed ha dovuto prendere atto che il partito non lo segue”.

Gervasi interviene inoltre in merito alla posizione espressa dall’ex parlamentare renziano Fabrizio Ferrandelli, che propone liste alternative a quelle del Pd. “Probabilmente – commenta – Ferrandelli è stato ispirato dall’endorsement di Cuffaro. Ma su questo punto bisogna essere netti: ci aspettiamo che almeno per una volta Miceli batta un colpo e prenda le distanze da queste affermazioni, superando la confusione che lo ha indotto a dare un’ampia rappertanza in segreteria alla ‘corrente’ ferrandelliana. O si lavora per il Pd, o in alternativa ad esso: le due cose non sono compatibili”.