È nato ieri sera a Villagrazia di Carini, il coordinamento “Autostrade libere“, composto da società civile, istituzioni, movimenti e partiti della provincia di Palermo, che per ribellarsi alla norma contenuta nel decreto “mille proroghe” del governo Berlusconi, hanno deciso di mettere da parte i colori politici di appartenenza e portare avanti una battaglia comune contro il pagamento del pedaggio sull’A29.

Il carinese Marco Guerriero è stato nominato portavoce dell’organismo. “Abbiamo deciso di creare un movimento di protesta che vada oltre i partiti, siamo contenti se tutti si unissero a noi. Non è una battaglia che ha un colore politico ma è una battaglia per salvaguardare le tasche dei cittadini”.

Lunedì i componenti di “Autostrade libere” saranno presenti in alcuni svincoli del palermitano per distribuire volantini e sensibilizzare i cittadini alla protesta.