“Ormai è una vera e propria emergenza sociale, non solo è necessario provvedere subito ad una soluzione che assicuri la continuità lavorativa ai 519 collaboratori scolastici ex Lsu, ma è anche urgente e non più rinviabile una nuova dotazione organica con le figure necessarie al reale funzionamento delle scuole di Palermo e provincia, per garantire così un posto di lavoro anche ai precari del settore”. Ad affermarlo al termine dell’incontro che si è tenuto al comune di Palermo sull’emergenza vissuta in questi giorni dalle scuole di Palermo e provincia , per via della mancanza dei collaboratori scolastici, sono Mimmo Milazzo, segretario Cisl Palermo Trapani e Francesca Bellia, segretario Cisl Scuola Palermo Trapani.

“In ballo – spiegano Milazzo e Bellia – c’è il futuro delle famiglie di questi lavoratori da marzo senza stipendio, e il diritto allo studio per gli studenti della città che in questi giorni frequentano istituti con scarse condizioni igieniche e ad orari, in molti istituti, ridotti. Il rischio che venga invalidato l’anno, dato che sono obbligatori 200 giorni di lezione, è serio”.

Da qui la richiesta della Cisl “a questo punto è essenziale una forte sinergia fra amministrazione comunale, Prefettura, assessorato regionale all’Istruzione e Ufficio scolastico regionale che richiami il governo nazionale affinché individui subito le soluzioni alle vertenze, i precari della scuola e gli ex Lsu, dalle quali dipende il funzionamento del sistema scolastico. Invece di proseguire con i tagli, il ministero alla Pubblica Istruzione deve piuttosto rideterminare gli organici di collaboratori scolastici, assistenti tecnici, personale di segreteria, per ampliare i posti, assicurando lavoro ai precari, ma soprattutto una scuola che finalmente funzioni alle famiglie palermitane”.