“Bisogna reintrodurre le deroghe ai vincoli su personale e spese correnti per prorogare i contratti. Dopo si dovrà individuare un percorso chiaro sulla stabilizzazione”.

E’ tranciante il vice presidente dell’Anci Sicilia nonché sindaco di Partinico Salvo Li Biundo. Senza una deroga su questi temi non sarà possibile nessuna proroga e nessun piano per i precari.

“Il tavolo permanente tra Regione, Anci e sindacati ha individuato un percorso concreto per ottenere dal Governo nazionale le deroghe necessarie e procedere con la proroga dei contratti per i precari negli enti locali – sottolinea il vicepresidente dell’Anci “Il tavolo ha stabilito di chiedere la reintroduzione delle deroghe stralciate dall’ultimo decreto, per superare i vincoli imposti su spese correnti, personale e dotazione organica nei comuni che attualmente impediscono agli enti locali di procedere con il rinnovo dei contratti”.

“Il presidente Crocetta, carte alla mano, – dice Lo Biundo – dimostrerà alla Ragioneria dello Stato l’effettiva razionalizzazione della spesa avviata dal governo regionale, in particolare su formazione, sanità e personale regionale. Bisognerà lavorare ad una strategia efficace volta ad indicare una strada chiara per individuare i presupposti normativi e finanziari per la stabilizzazione di questi lavoratori ”.