Per la prima volta la Legge Severino viene applicata nei confronti di dipendenti pubblici. E’ accaduto a Catania dove ieri è stata pronunciata la sentenza di condanna nei confronti dei due impiegati dell’Università di Catania coinvolti nello scandalo delle ‘lauree false’ che nell’ottobre 2013 scosse la facoltà di medicina.

Nel processo che si è celebrato col rito abbreviato il gup di Catania, Alessandro Ricciardolo ha ritenuto colpevoli Giovanbattista Luigi Caruso e Giuseppe Sessa dei reati di falso in atto pubblico e corruzione, condannandoli rispettivamente a 6 anni e 8 mesi di reclusione e 5 anni e 8 mesi di carcere.

Il giudice ha anche dichiarato i due ‘interdetti in perpetuo dai pubblici uffici e dichiarato estinto il rapporto di impiego dei predetti con l’Amministrazione di appartenenza’, applicando così la legge Severino che prevede pene severe contro i fenomeni di corruzione e illegalità nella pubblica amministrazione.

I due sono stati invece assolti, con la formula il fatto non sussiste, dall’accusa di accesso abusivo a sistema informatico.

Il caso risale all’ottobre 2013 quando, dopo una denuncia dell’Università che aveva già avviato un’inchiesta interna in seguito ad una segnalazione anonima, scattarono le indagini condotte dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Catania sull’inserimento nell’archivio informatico dell’università di esami mai effettuati da parte di due studenti. In un caso in particolare furono registrate ben 19 materie spianando così la strada verso la laurea in medicina. Mentre per un altro studente venne inserito un solo esame falso.

Gli studenti, che hanno collaborato alle indagini e per i quali si è proceduto separatamente, avrebbero elargito di somme di denaro (che gli inquirenti scoprirono essere piuttosto modeste) e altre utilità.

Nell’ottobre 2013, il rettore Giacomo Pignataro annullò subito quella laurea, ma in città soprattutto fra gli studenti si scatenò un sentimento di indignazione per quanto avvenuto. L’università si è costituita parte civile nel processo.