“Gli studenti palermitani che rientrano nel progetto erasmus dell’anno accademico 2012-2013, non correranno nessun rischio, hanno già firmato tutti i documenti e al 100% percorreranno questa strada”, lo dice, ai microfoni di BlogSicilia, la dottoressa Adriana Ragonese, responsabile delle politiche di internazionalizzazione per la mobilità dell’Università di Palermo.

“Per quanto riguarda la situazione più delicata dell’anno 2013-2014, non voglio creare nessun allarmismo, perché mi risulta inverosimile che l’Unione europea non rifinanzi il suo progetto più meritevole”, conclude Ragonese.

Si punta quindi sulla lettera aperta inviata dalle 100 autorità del mondo dell’istruzione all’Ue, cercando di concentrare la quesitone sulla migliore gestione dell’istruzione e della formazione, per garantire a tutti gli studenti un percorso Erasmus sicuro.